San Martino d’ Agri

Hotel – Agriturismi – Bed and Breakfast – Residence – Casa vacanze – Ostelli – Shopping – Ristoranti – Pub – Vendita  Appartamenti

Altitudine m 666
Abitanti 1100
Distanza dal capoluogo km 113

Etimo

II nome del paese è dovuto alla devozione dei suoi abitanti per S. Martino di Tours (316-397 d.C. ), protettore dei poveri. Probabilmente il culto del san to è importato dalla vicina Grumentum, da dove si suppone siano venuti i primi abitanti di San Martino d’Agri. In alcuni documenti antichi, il paese è denominato San Martino al Rapare, per la sua collocazione geografica alle pendici del monte omonimo.

Leggende di fondazione

Si suppone che l’origine del paese sia dovuta agli abitanti di Grumentum sfuggiti alla furia distruttiva dei Saraceni (X secolo); un’altra fonte attribuisce la fondazione del centro, nel X secolo, a una comunità di monaci italo-greci.

Origine attestata

II sito è menzionato per la prima volta da Edrisi, geografo arabo, incaricato da re Ruggero di descrivere il territorio (1154). Nel Syllabus Grecarum membra-narum ad regiae Siclae pertinentium, del 1306, il paese è denominatoCasale S. Martini de pauperibus di proprietà dell’Ordine cavalieresco dei Templari.

Storia

Sull’alto del monte Raparello, la piccola bianca cappella della Madonna della Rupe custodisce una statua della Vergine, in stile bizantino (Vili secolo).
Ogni anno i fedeli, in pellegrinaggio al monte, prelevano tale statua per condurla nella Chiesa Madre, anch’essa dedicata alla Madonna della Rupe, dove resta fino a maggio.