Rapolla

Hotel – Agriturismi – Bed and Breakfast – Residence – Casa vacanze – Ostelli – Shopping – Ristoranti – Pub – Vendita  Appartamenti

Altitudine m 439
Abitanti 4447
Distanza dal capoluogo km 57

II nome discende dall’appellativo lucano “rappa”, località coltivata a vigneto, molto usato nell’economia del territorio. Alcuni studiosi assegnano allo stesso termine un significato diverso, proponendo l’accezione di “luogo pieno di spine”. Altri derivano la forma dal latino rapula, ravanello. L’origine di “rappa”, tuttavia, è da confrontarsi con l’italiano “rappa”, che vuol dire “raspo, ciocca”.

Leggende di fondazione

Secondo la tradizione, la sua origine risale al tempo delle guerre di Roma ed Annibale. La memoria vorrebbe confermato ciò da una collina chiamata Cerz d’Annibl (quercia di Annibale), dove il condottiero africano si sarebbe accampato prima della battaglia contro il console Marcelle, nel 210 a.C.;  Rapolla  sarebbe, secondo alcuni studiosi, nominata da Plinio (circa 70 d.C.), nell’elenco delle città Daune, con il nome di Strapellum.

Origine attestata

Nel 984 giunge nel territorio del monte Vùlture il monaco siciliano Vitale da Castronuovo, importante personaggio della comunità monastica di rito greco. Qui egli, in compagnia del nipote Elia, tra la data del suo arrivo e quella della sua morte (994), edifica un monastero di rito greco. II destino di Rapolla è un destino di distruzione e di lenta ma progressiva decadenza. Il paese viene, infatti, distrutto quattro volte. La prima nel 1137, durante le lotte tra Corrado III di Svevia e Lotario II, re di Germania ed Italia.

La seconda distruzione avviene nel 1183: il vescovo di Melfi contende a quello di Rapolla la posizione di preminenza. Quest’ultimo resiste e, allora, homines di Melfi destruxerunt Rapollam (Del Re 1945, 470). Segue la distruzione operata nel 1254 da Galvano Lancia, suo signore.

Egli vuole che i suoi vassalli riconoscano Manfredi come reggente del regno. Gli abitanti di Rapolla, sobillati dal vescovo, rifiutano schierandosi dalla parte di papa Innocenze IV (1243-1254). La punizione di Manfredi e di Galvano è tremenda. La città da quel giorno inizia a decadere.

La quarta distruzione, operata dal conte Lando, avviene nel 1381, durante le guerre tra Giovanna I, fedele all’antipapa Clemente VII, e Luigi I d’Angiò re d’Ungheria, sostenitore del papa Urbano VI. Non manca un feroce sac cheggio compiuto dalle truppe di Lautrec nel 1528 che operano nel meridio ne, teatro di scontri tra i Valois e gli Asburgo. Dopo questa ennesima devastazione il paese non si riprende più, coadiuvato in ciò anche dai numerosi terremoti che si susseguono nel tempo.

A tali calamità storiche e naturali si aggiungono alcuni feudatari senza scrupoli coinvolti nelle lotte di potere. Non tutti, però, agiscono così. Roberto il Guiscardo e i successori conti normanni Guglielmo, Liardo, Sansone di Rapolla e Guido da Rocca, migliorano le condizioni generali di vita del paese dotandolo di mura e di un Castello. Rapolla in questo periodo appare essere tanto sicuro da invogliare Federico II ad alloggiarvi (1235) la madre di Manfredi. Oggi non c’è traccia del Castello. Così come non ve ne è della rocca longobarda che nel 982 ospita l’imperatore tedesco Ottone II.