Potenza- Rionero – Melfi

Si lascia Potenza, in direzione nord-ovest, verso il valico di Monticchio, che è aspro e ventoso, situato a una quota di oltre 1100 metri. Si scende quindi ad Avigliano, il cui suggestivo centro storico è raccolto intorno a piazza Gianturco, e nei cui dintorni il santuario della Madonna del Carmine è meta di processioni e pellegrinaggi.

Si prosegue verso Lagopesole e il suo celebre Castello, voluto da Federico II come fortilizio e come base per le sue amate battute di caccia con il falcone, in un territorio che è tuttora regno dei rapaci, dai gheppi e dalle poiane ai nibbi reali. Superato il piccolo centro di Filiano, si raggiunge Atella,con la sua trecentesca cattedrale dal possente campanile, ormai sullo sfondo del massiccio del Vulture: ci si avvicina infatti a Rionero in Vulture, che del complesso vulcanico è il cuore (e del pregiato vino DOC Aglianico è la capitale).

Da Rionero è possibile raggiungere la panoramica vetta del vulcano e quindi scendere sui due laghi di Monticchio, su cui sorgono i suggestivi resti della chiesa di Sant’Ippolito. A breve distanza si trova l’abbazia di San Michele, edificata sulle grotte abitate nel X secolo dagli eremiti.

L’itinerario approda infine a Melfi, affascinante cittadina dominata dall’inconfondibile mole del castello normanno, da cui Federico II emanò le norme di diritto feudale note come Costitutiones.