Lo stato del settore alberghiero a livello mondiale

La scorsa settimana la Hogg Robinson Group (HRG) ha presentato il suo sondaggio per i primi sei mesi del 2010. Charles Davis, economista presso il Centro di gestione per l’Economia e Business Research (CEBR), analizza i risultati:

L’indagine ha mostrato che i tassi  hanno cominciato ad aumentare rispetto al 2009. I Prezzi medi nelle città chiave di approccio globale ha avuto una crescita del 5% circa rispetto al secondo trimestre del 2010.

L’economia mondiale mostra segni di una ripresa a più velocità con economie emergenti come l’India e la Cina con livelli più elevati di crescita economica a quella delle economie occidentali degli Stati Uniti, Europa e Regno Unito con crescita zero.

Nel corso del periodo da gennaio a giugno, l’Asia ha registrato una crescita del 3,1% (anno su anno) rispetto ai tassi di crescita piatta degli Stati Uniti e una diminuzione del 2,7% in Europa.

In seguito alla crisi finanziaria, il Medio Oriente ha visto un calo del mercato immobiliare e finanziario. Ha comunque beneficiato di un aumento della domanda di petrolio registrando un recente pick up dell’attività economica, ma resta il fatto che la crisi finanziaria ha colpito la regione con particolare durezza. Un elevato livello di insolvenze aziendali e un calo del turismo ha portato al ribasso i tassi.

La crescita economica in Europa rimane debole rispetto ad altre; nella zona euro il PIL è cresciuto di anno in anno del 0,6% nel 1 ° trimestre 2010, contro una crescita del 1,2% in Giappone e del 2,7% negli Stati Uniti nello stesso periodo.

L’incertezza che circonda il debito pubblico dei Paesi della UE, ad esempio il Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia e Spagna, ha ridotto la fiducia degli investitori con il risultato di una crescita lenta e faticosa. Questo è stato evidente nel  calo del prezzo della camera  osservato da HRG nel  2010 a Madrid (-1%) e Dublino (-9%) negli ultimi sei mesi.

Il Prezzo della camera negli Stati Uniti si è stabilizzato dopo la crisi economica, ma la situazione in tutti i singoli Stati è differente.  Nonostante lo stimolo fiscale dell’amministrazione Obama, l’economia americana ha mostrato segni di debolezza e la  spesa dei consumatori è rimasta piatta. Negli ultimi mesi, una disoccupazione  elevata e la bassa crescita dei prestiti bancari ci suggeriscono che l’economia è ancora in uno stato fragile.

Il Regno Unito ha registrato un calo anno su anno del 1,2%. Il calo anno su anno nel prezzo della camera indica che i tassi non hanno pienamente recuperato dagli effetti della recessione economica. Il calo dei tassi ha particolarmente colpito i mercati regionali fuori Londra, ad esempio, la crescita anno su anno a Manchester e Liverpool ha mostrato rispettivamente un calo del 5% e 1% . Il calo dei prezzi nel Regno Unito è sintomatico di scarsa domanda causata dalla disoccupazione elevata e dai viaggi di lavoro che si sono ridotti drasticamente.

Articoli correlati:

Posted in News on by .

About Francesco

La mia formazione arriva dal mondo del turismo e della comunicazione, ma che ha alle spalle diversi anni nel settore commerciale. Tremendamente sedotto dalla rete credo fortemente nella condivisione della conoscenza.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>